BANDA della COLLINA

Image description

BANDA                                                         


La banda della collina nasce da un’idea dell’amministrazione comunale di Solto Collina nelle persone di Piernatonio Spelgatti e Carla Zenti, i quali non esitarono a proporre il progetto a Nadia Carrara del comune di Riva di Solto e a Laura Bonomelli del comune di Fonteno. Le tre amministrazioni unite, con i sindaci Rosemma Boieri, Norma Polini e Alessandro Bigoni credettero sin dal principio in questa iniziativa: creare un gruppo che si impegni nella divulgazione della cultura nel territorio della collina.


Tutto ebbe inizio nel 2007, mettendosi subito al lavoro nell'organizzazione dei corsi di orientamento musicale per bambini e adulti - corsi che si svolgono tutt'oggi - per dar vita e mantenere viva la Banda della Collina.


Dopo solo un anno dall'inizio dell'avventura, il 24 dicembre 2008 si costituisce ufficialmente l’associazione musicale “Banda della Collina”, sostenuta dalle tre amministrazioni di Solto Collina, Fonteno e Riva di Solto. Alle istituzioni comunali si unisce l'aiuto di alcuni amici "sponsor" che non mancano mai di sostenere l'associazione facendo fronte alle numerose spese necessarie al buon funzionamento, dall'acquisto dei nuovi strumenti per i neo-bandisti alle divise, fino alle spese necessarie per la manutenzione della sede che si trova a Solto Collina, in via G. B. Pozzi, negli ambienti del Palazzo Comunale. 


Il primo consiglio di amministrazione è così composto: presidente Spelgatti Pierantonio, Vice Presidente Nadia Carrara, tesoriere Diego Capoferri e consiglieri Laura Bonomelli, Gianfranco Negrinotti, Mario Fenaroli e Tomaso Fenaroli.


Nel gennaio 2014 l'associazione musicale Banda della Collina compie i suoi primi 5 anni dalla fondazione. Con questo anno scade anche il mandato del primo consiglio. Viene così rinnovato confermando la presidenza a Pierantonio Spelgatti, Nadia passa il testimone di Vice Presidente a Egle Capoferri, tra i consiglieri viene eletta Carla Bigoni, e riconfermati Gianfranco Negrinotti, Mario Fenaroli e Tomaso Fenaroli.


Artefice della realizzazione della parte musicale è il maestro Fenaroli Tomaso che, contattato prima da alcuni amici poi dagli stessi fondatori, ha accettato l’incarico molto impegnativo di organizzare e realizzare questo grande sogno che è la "Banda della Collina”. Il maestro Fenaroli si è dato subito da fare per l’organizzazione dei corsi musicali e avvalendosi di collaboratori professionali ha dato inizio al lungo iter di preparazione degli allievi. Un grosso plauso anche a Moira Bettoni da subito collaboratrice del nostro maestro. Moira insegna teoria e solfeggio nonché il clarinetto, strumento che ha studiato presso il conservatorio di Darfo Boario Terme. A sostegno di Moira nell'insegnamento della teoria e solfeggio c'è Carla, giovanissima soltese, che ha mosso i primi passi nell'associazione della Banda della Collina appassionandosi alla musica fino a diplomarsi in teoria e solfeggio da privatista, continuando con lo studio di pianoforte. Insegnante della classe dei flauti è la maestra Angela Fenaroli di Tavernola, nonostante la giovane età si sta dimostrando molto professionale nel lavoro di insegnante ma soprattutto di amica delle allieve stesse. A supportare Angela nell'insegnamento c'è Agnese Fenaroli, flautista della Banda di Borno e componente della Banda della Collina sin dalle sue prime note. La sezione dei legni è affidata al maestro Emanuele Guizzetti di Costa Volpino con origini della Collina diplomato in clarinetto presso il conservatorio Luca Marenzio di Darfo. Gli ottoni - trombe, tromboni, corni, tuba e baritoni - sono affidati alla grande esperienza del maestro Gianpaolo Alberti di Darfo diplomato in corno ha perfezionato poi gli studi di tutti gli strumenti che fanno parte della famiglia degli ottoni e pertanto porta ai corsisti tutto il suo sapere e la sua professionalità. Insegnante per la famiglia delle percussioni batteria, grancassa e piatti il maestro Fluvio Ottelli, impegnato su diversi fronti nel panorama musicale della provincia di Bergamo e di Brescia.  


Quello della banda sicuramente è un ambiente sano, un ambiente che diventa occasione di aggregazione, quindi di formazione alla convivenza. Approcciarsi allo studio  musicale è come imparare una lingua nuova, che riesce a mettere in comunicazione culture e usanze differenti, creando un comune denominatore. L'amicizia è alla base del gruppo di persone che siedono nelle file della Banda della Collina, dove oltre alla musica non mancano mai le occasioni per organizzate altre attività ludiche atte allo stare insieme divertendosi.